Home / #ErsuCultura / La letteratura italiana sbarca in Cina
ItaStra
Copertina 3 Scrittori Italiani

La letteratura italiana sbarca in Cina

La nuova collana editoriale di ItaStra debutta a “Una Marina di Libri”.

Sabato 11 giugno, in occasione del festival del libro “Una Marina di Libri” presso la sala “Domenico Lanza” dell’Orto Botanico, si è tenuto un incontro interamente dedicato alla letteratura italiana in Cina.

E’ stata anche presentata la prima opera della collana “Lettere e pittogrammi” dedicata a testi di autori italiani tradotti in cinese. L’opera dal titolo “3 scrittori italiani: Evelina Santangelo, Francesco Maino, Viola Di Grado” a cura di Chen Ying ospita testi in cinese dei tre autori italiani.

ItaStra
Logo ItaStra – Scuola di Lingua italiana per Stranieri

L’evento è stato organizzato dai promotori della collana: la Scuola di Lingua italiana per Stranieri (ItaStra) dell’Università di Palermo e il Corso di italiano della Sichuan International Studies University – SISU (Chongqing, Cina), in collaborazione con il Centro di studi filologici e linguistici siciliani di Palermo.

Evelina Santangelo
La scrittrice Evelina Santangelo

Presenti la scrittrice Evelina Santangelo, Mari D’Agostino direttrice di ItaStra, Giovanni Ruffino presidente Centro di studi filologici e linguistici siciliani di Palermo e Qin Xinjie docente di italiano in Cina, attualmente visiting professor di lingua cinese a UNIPA.

Mari D’Agostino
Mari D’Agostino direttrice di ItaStra

“Gli autori italiani pubblicati nella collana Lettere e pittogrammi – ha dichiarato la direttrice di ItaStra D’Agostino – vengono scelti guardando all’innovazione e all’originalità, sia stilistica che contenutistica, nell’ambito degli interessanti fermenti che negli ultimi decenni stanno interessando il romanzo e la poesia italiana e guardano anche alle nuove frontiere della didattica linguistica.”

Le traduzioni di “3 scrittori italiani” sono il prodotto di laboratori con studenti cinesi del corso di italiano dell’Università SISU di Chongqing in residenza di studio a Palermo presso ItaStra, supervisionate da Chen Ying, curatrice del volume e traduttrice in lingua cinese di grande esperienza; ha infatti tradotto romanzi di Alessandro Baricco, Alessandro Piperno, Tiziano Scarpa, Pietro Grossi, Raffaele Campanella.

Mari D'Agostino, Qin Xinjin
Mari D’Agostino e Qin Xinjin

 

Nell’ambito della presentazione sono stati annunciati anche i volumi che saranno pubblicati durante il prossimo anno ed è stato  proiettato il video “Vengo dalla Cina”: studiare italiano a Palermo, realizzato dal regista e fotografo Antonio Gervasi.

Link evento Facebook

Pagina ufficiale Facebook ItaStra

Riguardo Agostino Ferrara

Agostino Ferrara
Diplomato al liceo scientifico di Alcamo. Studente di Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Palermo. Appassionato di politica e attualità, di scienza e arte e tecnologie informatiche, come anche di modelli economici e finanziari. Collabora con il giornale online "IoStudio" dell'Ersu di Palermo.

Leggi anche

©Franco Lannino IMG_1879

Grande successo per il Parsifal al Teatro Massimo

La stagione 2020 del teatro Massimo ha avuto inizio con uno straordinario successo. Il 26 gennaio alle ore 17:30 Parsifal , di Richard Wagner, ha debuttato con 15 minuti di applausi al termine dello spettacolo. A dirigere l’opera il nuovo direttore musicale del Teatro Massimo, l’israeliano Omer Meir Wellber. La regia è invece di Graham Vick, che torna a Palermo dopo un altro progetto wagneriano, la Tetralogia realizzata esclusivamente per il Teatro Massimo tra il 2013 e il 2016. Le scene sono di Timothy O’Brien, i costumi di Mauro Tinti, movimenti coreografici di Ron Howell, luci di Giuseppe Di Iorio per un allestimento realizzato in coproduzione con il Teatro Comunale di Bologna. Nel ruolo del protagonista Parsifal ha avuto grande successo, sostituendo Daniel Kirch indisposto, il giovane tenore Julian Hubbard, che ha debuttato in questa occasione nel ruolo di Parsifal. Amfortas è interpretato da Tómas Tómasson, Titurel da Alexei Tanovitski. Debutto in scena a Palermo, dopo la Nona Sinfonia di Beethoven a inizio gennaio, e nel ruolo di Gurnemanz anche per John Relyea, che si è fatto conoscere dal pubblico italiano con Billy Budd a Roma, mentre il basso Thomas Gazheli (Klingsor) ritorna al Teatro Massimo dopo essere stato Wotan nella Tetralogia di Vick. Protagonista femminile è il soprano francese Catherine Hunold nel ruolo di Kundry, apprezzatissima interprete del repertorio wagneriano ma anche degli autori francesi del periodo romantico e di fine Ottocento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *